Home 2014 gennaio

TRGA, SEZ. TRENTO – ordinanza 29 gennaio 2014 n. 23

󰀄

TRGA, SEZ. TRENTO – ordinanza 29 gennaio 2014 n. 23 E’ rimessa all’esame della Corte di giustizia dell’Unione Europea la seguente questione pregiudiziale di corretta interpretazione della normativa interna in rapporto a quella comunitaria sovraordinata: se i principi fissati dalla Direttiva del Consiglio 21 dicembre 1989, 89/665/CEE e successive modifiche ed integrazioni, che coordina le

TAR LAZIO – ROMA, SEZ. I – sent. 29 gennaio 2014 n. 1128

󰀄

TAR LAZIO – ROMA, SEZ. I – sent. 29 gennaio 2014 n. 1128 E’ legittimo il provvedimento con cui la stazione appaltante aggiudica la gara ad una impresa che appartenga ad una holding di cui faccia parte anche un’altra società partecipante alla gara. l’esistenza di tale relazione da sola non basta ad affermare che esiste

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV – sent. 27/01/2014 n. 355

󰀄

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV – sent. 27/01/2014 n. 355 Deve interpretarsi in senso restrittivo la disposizione di cui all’art. 57, comma 5 lett. b) del codice dei contratti, che, nel prevedere la possibilità di aggiudicazione con procedura negoziata senza pubblicazione di bando di gara per nuovi servizi, analoghi a quelli già aggiudicati in favore

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V, 24 gennaio 2013 n. 435

󰀄

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V, 24 gennaio 2013 n. 435 La sentenza conferma l’indirizzo giurisprudenziale secondo il quale il servizio di illuminazione votiva rientra nella categoria del servizio pubblico trattandosi di attività per la quale il concessionario impegna beni e impegni capitali, mezzi, personale da destinare ad un’attività economicamente rilevante, in quanto suscettibile, almeno potenzialmente,

TAR SICILIA – PALERMO, SEZ. III – sent. 21/01/2014 n. 191

󰀄

TAR SICILIA – PALERMO, SEZ. III – sent. 21/01/2014 n. 191 E’ legittima l’aggiudicazione nei confronti di una concorrente che, per raggiungere i requisiti di qualificazione, abbia fatto ricorso a due distinti avvalimenti. Sebbene ciò sia vietato dall’art. 49, comma 6, del codice dei contratti, a mente del quale “il concorrente può avvalersi di una

󰁓