Home Giurisprudenza PAT

Giurisprudenza PAT

Sono disponibili le prime pronunce dei giudici amministrativi in tema di Processo Amministrativo Telematico (PAT).

L’elenco sarà aggiornato progressivamente.

 

󰁅1. Consiglio di Stato, decreto 4 gennaio 2017, n. 10

󰁅2. Tar Calabria, ordinanza 26 gennaio 2017 n. 29

󰁅3. Tar Calabria, ordinanza 26 gennaio 2017 n. 33

󰁅4. Tar Basilicata, sentenza 6 febbraio 2017 n. 133

󰁅5. Tar Campania, Salerno, sentenza 6 febbraio 2017, n. 213

󰁅6. Tar Calabria , Catanzaro, ordinanza 9 febbraio 2017 n. 50

󰁅7. Tar Lazio, decreto 9 febbraio 2017, n. 683

(nullità ricorso depositato in formato nativo digitale non sottoscritto digitalmente – rimessione in termini)

󰁅8. Tar Calabria, Catanzaro, sentenza 10 febbraio 2017, n. 175

(deposito ricorso effettuato con formato diverso da quello richiesto dalle norme tecniche)

󰁅9. Tar Campania, Napoli, sentenza 13 febbraio 2017, n.892

(sottoscrizione atti con firma digitale )

󰁅10. Tar Basilicata, sentenza 14 febbraio 2017, n. 160

(notifica telematica – tipologia firma digitale)

󰁅11. Tar Campania, Napoli, ordinanza 15 febbraio 2017 n. 249

(formato della domanda fissazione udienza – deposito copia informatica documentazione di notifica)

󰁅12. Tar Campania, Napoli, sentenza 22 febbraio 2017, n.1053

(sottoscrizione digitale del ricorso – firma digitale non strumentale al solo deposito)

󰁅13. Tar Lazio, Roma, ordinanza 1 marzo 2017 n. 2891

(notifica via PEC)

󰁅14. Consiglio di Stato, ordinanza 3 marzo 2017 n. 880

(obbligo deposito copia cartacea del ricorso e degli atti difensivi – condizione per la decorrenza del temine dilatorio per fissazione udienza camerale)

󰁅15. Consiglio di Stato, ordinanza 3 marzo 2017 n. 919

(obbligo deposito copia cartacea del ricorso e degli atti difensivi – condizione per la decorrenza del temine dilatorio per fissazione udienza camerale)

󰁅16. Tar Lazio, ordinanza 8 marzo 2017 n. 3231

estensione firma Pades posta in fondo al modulo – asseverazione ex art. 22 CAD – obbligo deposito copia cartacea – regolarizzazione deposito ricorso depositato con formato non corretto)

󰁅17. Tar Lazio, ordinanza 9 marzo 2017, n. 3258

(obbligo deposito copia cartacea del ricorso e degli atti difensivi – condizione per la decorrenza del temine dilatorio per fissazione udienza camerale)

󰁅18. Tar Lazio, ordinanza 9 marzo 2017, n. 3259

(obbligo deposito copia cartacea del ricorso e degli atti difensivi – condizione per la decorrenza del temine dilatorio per fissazione udienza camerale)

󰁅19. Tar Lazio, sentenza 10 marzo 2017, n. 3398

(nullità del ricorso per mancanza della sottoscrizione)

󰁅20. Tar Sicilia – Catania, sentenza 13 marzo 2017, n. 499

(sottoscrizione ricorso introduttivo – mancata sottoscrizione ed asseverazione della copia per immagine della procura – mancata sottoscrizione ed asseverazione della copia per immagine delle notifiche – inammissibilità del ricorso)

󰁅21. Tar Calabria, sentenza 15 marzo 2017, n. 209

(memoria non sottoscritta digitalmente – estensione firma Pades apposta in fondo al Modulo)

󰁅22. Consiglio di Stato, ordinanza 23 marzo 2017 n. 1322

(notifiche via PEC prima dell’entrata in vigore del PAT – rimessione Adunanza Plenaria)

󰁅23. Tar Campania, sentenza 28 marzo 2017 n. 1694

(firma digitale su atti – necessità sottoscrizione – firma Pades in fondo al modulo deposito non estendibile agli atti allegati)

󰁅24. Consiglio di Stato, sentenza 4 aprile 2017 n. 1799

(notifica PEC – atti sottoscritti con firma Cades – efficace)

󰁅25. Consiglio di Stato, sentenza 4 aprile 2017 n. 1541

(mancata sottoscrizione digitale del ricorso – mera irregolarità – obbligo  per il giudice amministrativo di assegnare termine per regolarizzare)

󰁅26. Tar Calabria – Reggio Calabria, ord. 26 aprile 2017 n. 69

(irregolarità degli atti depositati in regime PAT – assegnazione termine perentorio – regolarizzazione)

󰁅27. Tar Calabria – Catanzaro, ordinanza 26 aprile 2017, n. 679

(redazione secondo originale – ammissibilità)

󰁅28. Tar Campania – Napoli, sentenza 5 maggio 2107 n. 2420

(ammissibilità procura a margine)

󰁅29. Tar Lazio – Roma, sentenza 9 maggio 2017, n. 5545

(notifica cartacea del ricorso – ammissibile tesi del c.d. “doppio originale” – entrambe le modalità seguite nella pratica possono essere considerate efficaci)