Home Posts etichettati "Atti processuali"

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V – sent. 24 aprile 2014, n. 2066

󰀄

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V – sentenza 24 aprile 2014, n. 2066 spetta al giudice la qualificazione giuridica dell’azione, potendo egli anche attribuire al rapporto giuridico dedotto in giudizio un nomen juris diverso da quello indicato dalle parti, purchè non venga sostituita la domanda giudiziale, modificandone i fatti o fondandosi su una realtà fattuale diversa

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V – sentenza 2 aprile 2014 n. 1572

󰀄

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V – sentenza 2 aprile 2014 n. 1572 E’ inammissibile la domanda di annullamento di una serie di provvedimenti inerenti la complessa riorganizzazione degli enti gestori dei servizi pubblici del Comune di Torino, le selezioni indette per la scelta dei soci operativi e gli atti di alienazione delle partecipazioni, presentata da

TRGA, SEZ. TRENTO – ordinanza 29 gennaio 2014 n. 23

󰀄

TRGA, SEZ. TRENTO – ordinanza 29 gennaio 2014 n. 23 E’ rimessa all’esame della Corte di giustizia dell’Unione Europea la seguente questione pregiudiziale di corretta interpretazione della normativa interna in rapporto a quella comunitaria sovraordinata: se i principi fissati dalla Direttiva del Consiglio 21 dicembre 1989, 89/665/CEE e successive modifiche ed integrazioni, che coordina le

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. VI – sentenza 25/11/2013 n. 5601

󰀄

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. VI – sentenza 25/11/2013 n. 5601 La definizione immediata del processo consentita dall’art. 60 cod. proc. amm. -«purché siano trascorsi almeno venti giorni dall’ultima notificazione del ricorso» – deve scontare la considerazione della sospensione feriale, cioè detto termine non deve decorrere in tale lasso di tempo, perché quando il Giudice, avvalendosi

CGA, SEZ. GIURISDIZIONALE – ordinanza 17 ottobre 2013 n. 848

󰀄

CGA, SEZ. GIURISDIZIONALE – ordinanza 17 ottobre 2013 n. 848 La Corte siciliana rimette alla Corte di giustizia dell’Unione europea le seguenti questioni pregiudiziali: 1) se i principi dichiarati dalla CGUE con la sentenza del 4 luglio 2013, in causa C-100/12, con riferimento alla specifica ipotesi, oggetto di quel rinvio pregiudiziale, in cui due soltanto

󰁓