Home Blog Osservatorio Giurisprudenza Amministrativa: TAR LIGURIA, SEZ. II, sentenza 18 dicembre 2014, n. 1879
󰀄

TAR LIGURIA, SEZ. II, sentenza 18 dicembre 2014, n. 1879

Pres. Caruso, Est. Goso; Switch 1988 Srl (Avv. Montarsolo) c. Comune di Genova (Avv. Masuelli) e c. AMIU Genova Spa (Avv. Cocchi)

CONTRATTI PUBBLICI – affidamento servizio ritiro rifiutoi ingombranti – esclusione dalla gara ex art. 38 co. 1 lett. c) d.lgs. 163/2006 – motivazione sulla gravità del reato commesso dagli amministratori – necessaria

Con riferimento all’applicazione dell’art. 38 comma 1 lett. c) del codice dei contratti (d.lgs. 163/2006), è illegittimo il provvedimento di esclusione da una gara per l’affidamento del servizio di ritiro dei rifiuti ingombranti a domicilio e su appuntamento a piano strada, laddove l’Amministrazione abbia omesso di motivare adeguatamente circa la natura escludente della sentenza di condanna a carico degli amministratori delle due imprese.
Infatti, la valutazione di gravità non può consistere nella mera constatazione della natura dei reati ascritti prescindendo dalla disamina delle peculiarità del caso concreto che, consisteva, nell’aver somministrato senza autorizzazione un lavoratore ad altra impresa. Tale comportamento, infatti, sebbene illecito si può inquadrare entro opposte cornici prospettiche e può sottendere fenomeni variegati, connotati da diversa gravità, che deve pertanto essere attentamente considerata nella sua specificità per fare risultare le ragioni per cui la condotta illecita farebbe venire meno il vincolo fiduciario con l’imprenditore

󰁓