Home Blog Osservatorio TAR Liguria: TAR Liguria, sez. II, sentenza 4 marzo 2019, n. 172
󰀄

TAR Liguria, sez. II, sentenza 4 marzo 2019, n. 172 – Pres. Morbelli, est. Vitali – Ireti S.p.A. e Iren Ambiente S.p.A. (Avv.ti Anselmi e Bertone) c. Comune di Deiva Marina (Avv.ti Fregni, Caretti e Calzoni) e nei confronti di Deiva Sviluppo (n.c.).

 

CONTRATTI PUBBLICI – gara a doppio oggetto – selezione socio privato in società partecipata per la gestione del servizio idrico integrato – bando di gara – nuova pubblicazione del bando contenente proroga del termine di presentazione delle offerte e modifiche agli elementi della concessione – illegittimità.

È illegittimo il bando di gara per la selezione di un socio privato nella società partecipata dall’amministrazione comunale per la gestione del servizio idrico e dei servizi ambientali, qualora a seguito della pubblicazione di un secondo bando di gara, con il quale vengono prorogati i termini di presentazione delle offerte, vengono altresì modificati elementi essenziali della concessioni oggetto dell’affidamento, quali il valore totale stimato dell’appalto e la sua durata. Tali elementi costituiscono radicali modifiche concernenti informazioni necessarie alla preparazione delle offerte, tali da configurare una vera e propria novazione oggettiva della gara, ben diverso essendo il calcolo di convenienza che il potenziale socio provato è chiamato a fare, con riferimento alla remunerazione del capitale investito.

In considerazione di detta nuova pubblicazione del bando, costituente a tutti gli effetti l’inizio di una nuova gara, è inoltre  illegittimo lo spostamento dei termini per la presentazione delle offerte ad una data a distanza inferiore a 30 giorni dalla pubblicazione sulla GUUE, come previsto dall’art. 173 co. 2 d.lgs. 50/2016.

(A.M.)

󰁓